Cosa significa Selfpublishing. I tempi del Selfpublishing

Cosa è il self-publishing. Significato ed utilizzo

I neologismi anglosassoni stanno diventando sempre più utilizzati anche nella nostra lingua. Il Selfpublishing non fa eccezione. Sono molti i dubbi e le perplessità legate a questa attività, a cominciare dalle sue tempistiche.

Premesse generali sul Selfpublishing

Sempre più persone stanno ricercando sul Web “Cosa significa Selfpublishing” e “Tempi Self Publishing”. Prima di vedere nel dettaglio tutti gli aspetti connessi a queste parole chiave è doveroso fare alcune premesse.
In linea di massima, il Selfpublishing può essere considerata un’attività imprenditoriale al pari di tante altre. Quindi sappi fin da subito che non si tratta di qualche metodo miracoloso in grado di farti diventare milionario dall’oggi al domani senza fare alcuna fatica.
Insomma, in linea di massima, fare Selfpublishing significa metterci impegno, costanza e dedizione. Infatti l’unico modo per diventare ricchi dall’oggi al domani senza far fatica è quello di giocare al Superenalotto oppure ereditare beni e capitali da parenti che sono già ricchi.

Indice:

Cosa significa Selfpublishing.
Cosa significa Selfpublishing sul piano economico.
Non è tutto oro ciò che luccica.
Tempi del Selfpublishing.
I fattori che determinano i tempi del Selfpublishing.
La verità sui tempi del Selfpublishing.
Cosa significa Selfpublishing: conclusioni.
Non esiste la certezza in merito ai tempi del Selfpublishing

Cosa significa Selfpublishing
Cosa significa Selfpublishing

Cosa significa Selfpublishing

Cosa significa “Selfpublishing”? In italiano potremmo tradurre questa espressione come “auto-edizione” o “auto-pubblicazione”.
In termini più concreti, fare Selfpublishing significa pubblicare in proprio dei contenuti letterali senza avvalersi di una casa editrice.
Tutto ciò fino a poco tempo fa poteva sembrare pura fantasia ma, grazie all’avvento di Internet, è diventata un’attività alla portata di tutti. Infatti il commercio di e-book fa parte della nostra realtà quotidiana proprio come lo sono già i libri di carta stampata.
Non a caso “e-book” è un altro neologismo anglosassone che in italiano può essere tradotto come “libro in formato elettronico”.

Cosa significa Selfpublishing sul piano economico

Ora analizziamo uno degli aspetti più controversi, ovvero cosa significa Selfpublishing sul piano economico. Per far ciò pensiamo a quella che è l’attività di un normale scrittore. In cosa consistono i suoi guadagni?
Essi sono costituiti dalle “royalties”, ovvero delle percentuali che lo scrittore incassa in base al numero di copie vendute. In altre parole, una volta scritto il libro, il suo autore sarà nelle condizioni di guadagnare a vita, senza la necessità di compiere altri sforzi.
Ecco perché sempre più persone stanno cercando di saperne di più. Guadagnare con le royalties significa percepire delle rendite passive, ovvero guadagnare lavorando una volta sola, in un arco temporale ben delimitato.
Non a caso, molti scrittori, una volta ottenuto un discreto successo, decidono di prendersela comoda e godersi il loro tempo libero.
A chi non piacerebbe fare questa vita?

Non è tutto oro ciò che luccica

Detta così il Selfpublishing potrebbe sembrare una favola, ma in realtà è qualcosa di molto più concreto. Infatti, per riuscire in questo intento, è necessario impegnarsi a fondo. Non solo, un altro aspetto fondamentale è quello di capire tutte le dinamiche legate a questa attività.
Ad esempio, pochi sanno che è possibile fare Selfpublishing senza dover per forza scrivere un libro. Potrebbe sembrare un controsenso, giusto? In realtà non lo è e per capirlo è sufficiente osservare quello che è il fenomeno dei “ghost writer”, ovvero scrittori che decidono di vendere i diritti d’autore delle proprie opere dietro un compenso economico “una tantum”.
Ecco che in questo caso il Selfpublishing non è più da considerarsi un’attività artistica, ma un’attività imprenditoriale vera e propria.
In altre parole, investendo sui contenuti giusti è possibile ottenere dei guadagni, oltre che il recupero della cifra investita.
A tal proposito le domande sorgono spontanee: “Come si fa? Come faccio a contattare un ghost writer? Quanto mi costa? Come faccio a riconoscere un’opera dall’alto potenziale economico?”.

Tempi del Selfpublishing

Una volta trovate le risposte di cui al paragrafo precedente, ne sorge subito un’altra: “Quali sono i tempi del Selfpublishing”?
Riformuliamo la stessa domanda in termini ancora più schietti: “Dopo quanto inizio a vedere i primi guadagni?”.
Ovviamente, trattandosi di un’attività imprenditoriale, non esiste una risposta univoca a questa domanda.
I tempi del Selfpublishing non possono essere quantificati in modo esatto come i tempi di cottura della pasta.

Quali sono i tempi del Selfpublishing”?
Quali sono i tempi del Selfpublishing”?

I fattori che determinano i tempi del Selfpublishing

I fattori che determinano i tempi del Selfpublishing sono piuttosto variegati. Per capire questo concetto è sufficiente fare un esempio riferito ad una normalissima attività imprenditoriale.
Pensiamo a Tizio e Caio, 2 imprenditori che vogliono sfondare nel mondo della ristorazione. Entrambi devono investire nel locale, nel personale e nelle materie prime.
Nonostante ciò, Tizio inizia ad incassare i frutti del suo investimento prima di Caio. Come mai? Se entrambi lavorano nello stesso settore, come mai sono soggetti a tempistiche differenti?
La risposta è tanto semplice quanto complessa.
Il tutto dipende sia dalle loro capacità imprenditoriali che dal loro impegno personale. Infatti buttarsi a capofitto in un business senza una strategia non porta da nessuna parte.
Allo stesso modo, nonostante si sia in possesso delle più spiccate qualità imprenditoriali, senza impegno e dedizione i guadagni saranno sempre prossimi allo zero.

La verità sui tempi del Selfpublishing

Tenuto conto di quanto visto nell’esempio di cui sopra, il Selfpublishing non fa eccezione. A parità di competenze e nozioni, la differenza viene fatta dall’impegno e dalla determinazione di ogni singola persona.
Ecco cosa significa fare Selfpublishing: dare il meglio di sé senza risparmiarsi troppo. Ad esclusione dei vincitori del Superenalotto e dei ricchi ereditieri, tutte le altre persone di successo hanno in comune un aspetto molto importante.
Queste persone si sono “fatte il mazzo” per raggiungere i propri obiettivi, insistendo anche quando hanno incontrato delle difficoltà.
Ecco perché non è possibile quantificare i tempi del Selfpublishing in modo univoco. Infatti è impossibile quantificare l’impegno e la dedizione delle persone perché ognuna di esse è diversa dalle altre.
Allo stesso modo ogni persona ha delle proprie esigenze che quasi mai coincidono perfettamente con quelle degli altri.

investire nel self-publishing
Cosa significa Selfpublishing: conclusioni e delucitazioni

Cosa significa Selfpublishing: conclusioni

In conclusione, senza girare troppo attorno alla domanda “Cosa significa Selfpublishing?”, possiamo dire che quest’attività può essere considerata sotto un duplice aspetto.
Non a caso si tratta di un’attività artistica quanto imprenditoriale. Certo, grazie ai ghostwriter è possibile pubblicare dei contenuti senza doverli scrivere, ma comunque bisogna essere in grado di scegliere quelli giusti.
Allo stesso tempo bisogna anche conoscere tutti quegli aspetti tecnici che potranno decretare il successo della pubblicazione, piuttosto che un clamoroso buco nell’acqua.

Non esiste la certezza in merito ai tempi del Selfpublishing

Un altro aspetto di cui bisogna tenere conto è la mancanza di certezza legata ai tempi del Selfpublishing. Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, il tutto non dipende solo dalle nozioni tecniche o dalle doti imprenditoriali, ma anche dalla fatica e dall’impegno.
Ovviamente questo non vale solo per il Selfpublishing, ma per qualsiasi altro aspetto della vita, non solo sul piano lavorativo.
La differenza viene fatta sempre dalle persone, o meglio dalla loro determinazione e perseveranza. Infatti abbiamo sotto gli occhi numerosi esempi di persone che hanno successo e persone che falliscono clamorosamente.
Questo è un aspetto molto importante soprattutto in virtù del fatto che su Internet gira anche la cattiva informazione. Non esiste successo senza impegno, tranne i casi in cui a fare la differenza è la fortuna.
Un imprenditore di successo non considererà mai quest’ultima un fattore determinante, a differenza dei giocatori d’azzardo e degli arrampicatori sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *