Self Publishing su Amazon, le novità del 2021

Self Publishing su Amazon, le novità del 2021

Il 2021 è alle porte: rassegna riguardante il Self Publishing su Amazon e le novità del prossimo anno. Non farti cogliere impreparato e resta sempre al passo con i tempi

Ecco cosa cambierà

Prima di iniziare la rassegna riguardante il Self Publishing su Amazon e le novità del 2021, è meglio chiarire alcuni aspetti che, di solito, non vengono presi in considerazione. Si fa presto a dire “business online”, ma di cosa si tratta in realtà?
Da un lato, questo presenta grosse differenze rispetto ad una classica attività imprenditoriale offline. Dall’altro, invece, ci sono dei tratti comuni ad entrambi.
Quello più caratteristico riguarda sempre l’analisi della società che ci circonda. Per avviare un qualsiasi tipo di business è necessario avere un prodotto o un servizio da vendere. Non solo, poi bisognerà anche proporlo nel modo più accattivante possibile.
Cos’è che fa davvero la differenza tra un business di successo e uno fallimentare? Salvo rare eccezioni, la vera differenza sta nelle analisi di mercato compiute prime di affrontare gli step iniziali.
Insomma, la domanda cruciale è: ”Come faccio a scegliere un prodotto che avrà successo?”.

Aspetti importanti riguardanti il Self Publishing su Amazon e le novità che verranno

Per rispondere sinteticamente alla domanda del paragrafo precedente, potremmo dire che l’unico modo per valutare la potenzialità di un prodotto è quello di capire come ragiona chi dovrebbe acquistarlo.
Insomma, se conosci i tuoi potenziali clienti, ti rendi automaticamente conto del successo che potrebbe avere un dato bene o servizio.
L’aspetto cruciale è proprio questo: i bisogni delle persone variano costantemente nel tempo. Quello che è un prodotto ricercato oggi, potrebbe non esserlo domani.
Il bravo imprenditore non è necessariamente quello che investe le cifre più alte, ma quello in grado di comprendere i bisogni attuali e futuri del suo target di potenziali clienti.
Certo, è vero che in questo settore esiste sempre il così detto “rischio imprenditoriale”, ma è altrettanto vero che questo può essere sensibilmente ridotto grazie alle analisi di mercato effettuate nella fase di pre-investimento.

self publishing vincere su amazon corso antonio vida

Davvero non hai mai sentito parlare di Self Publishing?

Alcuni hanno già adocchiato il Self Publishing da tempo, altri invece non hanno mai sentito parlare di questa rivoluzionaria attività. Di cosa si tratta? Perché ultimamente è sulla bocca di tutti?
Iniziamo con il tradurre questo termine inglese.
Se usassimo l’espressione “auto-pubblicazione” il significato sarebbe decisamente più comprensibile, giusto?
Grazie al boom tecnologico degli ultimi decenni, oggi tutti hanno la possibilità di scrivere un libro in formato elettronico (“e-book”) e pubblicarlo senza dover ricorrere allo sponsor da parte di una casa editrice convenzionale.
Sotto il profilo economico, tutto ciò significa maggiori introiti per lo scrittore. Non a caso, la fetta più grossa dei guadagni legati all’editoria tradizionale viene incassata proprio dalla casa editrice e non dall’autore.
Ecco perché sempre più persone si stanno orientando verso questo tipo di attività.

Nuove opportunità di guadagno offerte dalla rete

I vantaggi economici del Self Publishing non sono da considerarsi solo sotto l’aspetto assoluto. Infatti, valutando quelli relativi, questa attività permette di guadagnare in modo diverso rispetto a tantissime altre attività tradizionali.
In altre parole, l’importante non è solo “quanto si guadagna”, ma anche “come si guadagna”. Ti faccio una domanda un po’ provocatoria: in cambio di 1 milione di euro all’anno, saresti disposto a lavorare 12 ore al giorno, tutti i giorni, tranne che per una settimana nel periodo natalizio?
Per carità, la cifra è allettante, ma che senso ha guadagnare tanto se poi, alla fine, non si ha il tempo materiale per godersi i propri successi economici?
Ecco perché molte persone rispondono: “Con il mio attuale impiego guadagno sicuramente di meno ma, in compenso, ho del tempo libero che possono dedicare a me e ai miei cari”.

Retribuzione Vs Rendita Passiva Automatica

Se il Self Publishing sta riscuotendo così tanto successo è proprio grazie al fatto che, qualora sia avviato nel modo giusto, permette di guadagnare bene senza essere costretti a barattare il proprio tempo.
Questo perché i guadagni avvengono sotto forma di “rendita passiva automatica”.
Insomma, una volta messo in vendita il tuo libro, i guadagni dipenderanno dal numero di copie vendute, indipendentemente da dove sei e da cosa stai facendo in quel preciso momento.
Questo aspetto non è secondario, infatti è pieno di imprenditori che, nonostante i loro ottimi guadagni, non sono soddisfatti della propria attività.
Questo perché si rendono conto di essere schiavi del proprio lavoro, tanto da lavorare di più e più intensamente rispetto agli stessi dipendenti. Per non parlare poi di tutto ciò che concerne gli obblighi fiscali e contributivi.

Self Publishing su Amazon e le novità che non ti aspetteresti

Self Publishing su Amazon e le novità che non ti aspetteresti

Ecco perché sempre più persone vogliono conoscere le ultime novità del Self Publishing su Amazon. Le rendite automatiche passive sono, indubbiamente, un traguardo molto allettante. Senza poi contare i vantaggi di tipo fiscale.
Arriviamo subito al dunque: la situazione è la seguente. Decidendo di vendere i propri libri sul noto portale di e-commerce, si avrà diritto a percepire le così dette “royalties”, ovvero delle percentuali che variano in base al numero di copie vendute.
Essendo erogate da Amazon, il proprietario del libro veduto non è soggetto al pagamento delle imposte e, di conseguenza, non ha nemmeno bisogno di aprire la Partita IVA.
Che dire, si tratta di un ottimo affare: rendite automatiche passive senza dover affrontare il calvario delle burocrazia italiana.
Arrivati a questo punto, alcuni lettori (o lettrici) potrebbero pensare: “Interessante, ma se non sono in grado di scrivere un libro non potrò mai avviare un business del genere”.

La mentalità imprenditoriale

Tra le novità del Self Publishing su Amazon ci sono anche i “ghost writer”. Chi sono? Cosa c’entrano con le rendite passive automatiche?
Sono degli scrittori professionisti che, al posto di pubblicare a loro nome i contenuti che realizzano, preferiscono cedere i diritti d’autore a terzi.
Capito il concetto? Tutti hanno la possibilità di fare Self Publishing su Amazon in quanto basterà comprare un libro dal proprio ghost writer di fiducia, per poi rivenderlo a nome proprio sul più grande portale di e-commerce al mondo.
Acquistando i diritti di un’opera letteraria se ne diventa i legittimi proprietari, pertanto si avrà poi diritto alle tanto agognate royalties di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente.
Ovviamente non è tutto oro ciò che luccica: senza le giuste competenze si rischia di buttare i propri soldi in libri che nessuno comprerà.

Considerazioni finali: Self Publishing su Amazon e le novità del 2021

Insomma, arrivati a questo punto tanti si staranno chiedendo: ”Quindi come faccio a fare Self Publishing di successo?”. Bisogna sapere come farlo, ovvero bisogna studiare, come per qualsiasi altra attività.
Ecco perché non mi resta altro da fare che parlarti di “Vincere su Amazon – Self Publishing” ad opera di Antonio Vida, uno dei più grandi imprenditori digitali italiani. Se non sai chi sia, dai un occhio al suo ultimo libro edito da Mondadori cliccando qui.
Al contrario, nel caso tu sappia già di chi stiamo parlando, prenota la tua iscrizione presso la sua accademia omonima cliccando qui.
Come ben sai, al fine di garantire una formazione impeccabile, i corsi di Antonio Vida sono tutti a numero chiuso, compreso quello sul Self Publishing.
Quindi non perdere altro tempo e iscriviti subito: le rendite passive automatiche sono pura realtà.

Self Publishing e aspetti fiscali molto importanti

Self Publishing e aspetti fiscali

Perché Self Publishing e aspetti fiscali vanno di pari passo? Si tratta di semplici questioni burocratiche o sotto c’è anche dell’altro? Seguimi passo passo

La “bestia nera” della burocrazia

Perché affrontare la questione “Self Publishing e aspetti fiscali” nel migliore dei modi? Perché la burocrazia è la “bestia nera” di qualsiasi imprenditore. Come prima cosa, ogni spesa legata a quest’ultima è da considerarsi un costo e non un investimento.
Infatti, i soldi spesi in tasse piuttosto che per pagare la parcella al commercialista non generano guadagno.
Non solo, in caso di gravi inadempienze relative agli oneri fiscali, si va incontro a salate sanzioni da parte del fisco. A tal proposito, quello italiano è, senza dubbio, uno dei peggiori in Europa.
Questo perché le normative sono tutt’altro che chiare e perché le varie aliquote sono decisamente “alle stelle”.
La domanda sorge quindi spontanea: “In che modo posso ottimizzare questi costi al fine di non farli gravare troppo sul bilancio complessivo?”
Se hai già capito come ottenere la risposta clicca qui, altrimenti prosegui la lettura dell’articolo.

Self Publishing e aspetti fiscali: dalla A alla Z

Self Publishing e aspetti fiscali relativi giocano un ruolo determinante in questo tipo di business online. Insomma, vendere su Internet è pur sempre un’attività di tipo economico e le principali piattaforme di certo non ti consentono di farlo “in nero”.
Per affrontare come si deve questo discorso ci vorrebbe non un articolo, ma un libro a parte. Tuttavia, proseguendo con la lettura potrai avere delle basi per effettuare le tue valutazioni preliminari.

Cosa si intende esattamente per “Self Publishing”

Ormai il Self Publishing è considerata un’attività abbastanza nota, tuttavia è meglio chiarire alcuni aspetti anche per coloro che ne vengono a conoscenza solo ora. Questo termine inglese è l’equivalente di ciò che noi italiani chiamiamo “auto-pubblicazione”.
In altre parole, si crea un contenuto testuale, come ad esempio un libro, e lo si immette in commercio senza avvalersi di una casa editrice standard.
Ciò comporta notevoli vantaggi dal punto di vista economico. Infatti, chi guadagna davvero nel commercio di libri, sono proprio le case editrici, le quali incassano la maggior parte dei guadagni. Allo scrittore, ovvero al proprietario dei diritti d’autore dell’opera, viene riconosciuta solo una percentuale.
Ovviamente, fare Self Publishing di successo è più facile a dirsi che a farsi. Non bisogna dimenticare che la casa editrice è anche colei che pensa alla promozione, fase necessaria per far conoscere il libro al pubblico.

Il ruolo centrale di Amazon

Cosa c’entra Amazon con il Self Publishing? Semplice, al suo interno ha una grande sezione dedicata proprio alla compravendita di libri, sia in formato cartaceo, che elettronico. Insomma, quei prodotti che oggi chiamiamo comunemente “e-book”.
Utilizzare questa piattaforma per lanciare le proprie opere è, indubbiamente, la scelta vincente. Infatti, data l’enorme mole di traffico utenti, è da considerarsi la “vetrina” perfetta per mettere in risalto il proprio prodotto.
Se nessuno lo vede, difficilmente questo verrà acquistato. Inoltre, questa multinazionale americana è sinonimo di garanzia per i clienti, i quali, in caso di controversie, possono contare su uno dei migliori di servizi assistenza.
Certo, nessuno ti vieta di vendere il tuo libro mediante il tuo sito Internet personale, però comprendi bene che non potresti mai competere con il più grande portale di e-commerce del pianeta.
Di conseguenza, tanto vale sfruttare tutto questo a proprio vantaggio.

Burocrazia a tuo vantaggio: Self Publishing e aspetti fiscali

Aspetti fiscali e Self Publishing su Amazon sono un argomento molto ricercato e che suscita, decisamente, molto interesse tra tutti coloro che vogliono intraprendere questo tipo di business. Sostanzialmente, la questione è questa: Amazon sponsorizza il tuo libro e incassa i soldi pagati dal cliente al momento dell’acquisto.
Allo stesso tempo, riconoscerà al proprietario dei diritti d’autore del libro delle cospicue percentuali, dette royalties. Ci siamo fino a qui?
Bene, allora sappi che, dal punto di vista fiscale, queste royalties non vengono tassate. Di conseguenza, oltre a non venir “dissanguati” dall’autorità competente, non si deve nemmeno aprire la Partita IVA.
Tutto questo significa maggiori guadagni e meno rotture di scatole, le stesse rotture che attanagliano la maggior parte degli imprenditori italiani.
Insomma, fare Self Publishing su Amazon è proprio un bell’affare, sotto diversi punti di vista.

Self Publishing su Amazon

Self Publishing su Amazon: le novità

Può essere che a questo punto dell’articolo tu ti stia domandando: “Se non so scrivere, a cosa mi serve conoscere il Self Publishing e gli aspetti fiscali?”. La risposta è molto semplice: “Perché puoi fare Self Publishing anche senza essere uno scrittore professionista.”.
Non è fantasia, ma pura realtà. La persona che incassa le royalties menzionate nel paragrafo precedente, è colui o colei che possiede i diritti d’autore dell’opera venduta. Ecco, non è detto che scrittore e proprietario coincidano con la stessa persona.
Tra le novità del Self Publishing su Amazon troviamo proprio i “ghost writer”, ovvero degli scrittori che lavorano per conto terzi. Insomma, cedono i diritti d’autore delle loro opere al miglior offerente.
Ecco perché chiunque può intraprendere questo business, a patto, però, di possedere la giusta formazione.
In altre parole, bisogna capire come investire sul lavoro dei ghost writer a colpo sicuro.

I migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon

L’unico modo per fare Self Publishing di successo è quello di imparare da chi ha già esperienza e ha già ottenuto ottimi risultati. Ecco perché in questo paragrafo faremo alcuni cenni su Antonio Vida che, attualmente, è uno dei più grandi imprenditori digitali italiani a livello internazionale.
Per conoscerlo meglio puoi tranquillamente leggere il suo libro edito da Mondadori e scritto insieme ad un altro grande business man italiano, ovvero Maxx Mereghetti.
Non solo imprenditore: Antonio Vida è anche il titolare dell’accademia fondata da lui stesso, la quale propone uno dei migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon che siano mai stati realizzati.
Anzi, a dirla tutta, non ce ne sono di migliori, perché il suo ha un notevole valore aggiunto. Infatti, non è un semplice corso, ma una vera e propria community in cui allievi e tutor lavorano in piena sinergia reciproca.

Considerazioni finali su Self Publishing e aspetti fiscali

Che dire, Self Publishing e aspetti fiscali sono da considerarsi una vera e propria rivoluzione in fatto di business online. Non a caso, la stra grande maggioranza degli imprenditori digitali è “appesantita”, e non poco, dai canonici obblighi nei confronti del fisco.
Al contrario, l’auto-pubblicazione si rivela efficace non solo sotto il profilo tecnico-commerciale, ma anche sotto l’aspetto burocratico.
Infatti, decidendo di vedere su Amazon le opere di cui se ne detiene i diritti d’autore, le royalties percepite per ogni singola copia venduta, non sono soggette a tassazione. Automaticamente, non serve nemmeno aprire la Parita IVA per questo tipo di attività.
Inoltre, grazie al nuovo corso “Vincere su Amazon – Self Publishing”, potrai iniziare questo business anche senza essere uno scrittore professionista ma, bensì, collaborando con i migliori ghost writer del momento.
Purtroppo le iscrizioni sono a numero chiuso, quindi non perdere altro tempo e prenotati subito cliccando qui.

Self Publishing su Amazon, le novità del 2021

si riparte da zero corso self publishing

Self Publishing su Amazon: le novità del prossimo anno quali sono? In che modo è possibile stare sempre al passo con i tempi? Ecco tutte le informazioni utili per non rimanere indietro

Il mercato è vivo

Prima di trattare il Self Publishing su Amazon e le novità del prossimo anno, dobbiamo dare una definizione alla parola “mercato”. Secondo gli esperti, quest’ultimo è l’insieme della domanda e dell’offerta.
Cos’è la domanda? E l’offerta? La prima consiste nella richiesta di beni e servizi da parte dei consumatori mentre, la seconda, consiste proprio nella quantità di beni e servizi che vengono prodotti dalle aziende.
Insomma, il mercato non è solo un concetto astratto, in quanto è fatto da persone in carne e ossa. Di conseguenza, quest’ultimo non è altro che uno “specchio” di quella che è la nostra società.
A livello commerciale, qual è una caratteristica peculiare delle persone? Il fatto di cambiare idea.
In altre parole, un oggetto che viene venduto con successo oggi, magari in futuro potrebbe addirittura uscire fuori produzione.

Indice:

2021: Self Publishing su Amazon e novità.
Inquadriamo il Self Publishing.
La proprietà di un’opera intellettuale.
Self Publishing e aspetti fiscali.
Novità e Self Publishing su Amazon: come stare al passo con i tempi.
I migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon.
Conclusioni: Self Publishing su Amazon e le novità del prossimo anno.

2021: Self Publishing su Amazon e novità

Perché abbiamo fatto queste premesse prima di iniziare a parlare di Self Publishing su Amazon e le novità del 2021? Il motivo è molto semplice.
Nonostante questa attività sia difficile da far rientrare in una nicchia di mercato ben preciso, rimane sempre e comunque un’opportunità di business.
Pertanto, al fine di avere successo intraprendendo questa strada, occorre rispettare tutte le logiche di mercato riguardanti domanda e offerta, logiche che sono sempre in continua evoluzione, nella stessa misura in cui si evolve la nostra società.
Giusto per essere ancora più chiari, le tecniche per fare Self Publishing di successo oggi, un domani potrebbero non essere più efficaci.

Self Publishing su Amazon: le novità del prossimo anno quali sono?

Inquadriamo il Self Publishing

Alcune persone conoscono già molto bene questo argomento, molte altre invece no. Di conseguenza cogliamo al volo l’occasione per fare alcune considerazioni di carattere generale. Con il termine anglosassone “Self Publishing” si intende qualsiasi attività di “auto-pubblicazione”.
In termini più semplici, fare Self Publishing significa pubblicare dei contenuti di testo senza ricorrere al supporto di una casa editrice professionale.
Detto questo, in quale nicchia di mercato potremmo inquadrare questa attività? Diciamo “a cavallo” tra il settore artistico e quello prettamente imprenditoriale.
Insomma, è vero che gli scrittori sono artisti, ma è anche vero che fanno business, in quanto ottengono un vantaggio economico dalla vendita delle opere che scrivono.
Questa peculiarità rende l’attività di Self Publishing interessante sotto diversi punti di vista. Economico, certamente, ma anche fiscale.

La proprietà di un’opera intellettuale

Al contrario di quanto si possa pensare, la proprietà intellettuale di un opera non sempre appartiene al suo creatore. Per essere più precisi, un’opera appartiene a colui (o colei) che ne detiene i diritti d’autore, tutelati a livello giuridico.
Il motivo di tale ragionamento è il seguente: possono fare Self Publishing anche coloro che non sono scrittori di professione. Come?
Acquistando i diritti d’autore di opere scritte da terzi, ovvero da figure chiamate, in gergo, “ghost writer”.
Questi ultimi vengono detti “scrittori fantasma” proprio perché rimangono “invisibili”. Infatti il loro lavoro consiste nel realizzare un’opera, per poi vendere i diritti d’autore previo pagamento di una cifra “una tantum”.
Ecco perché il Self Publishing può essere inquadrato anche nella pura imprenditoria. Chiunque voglia praticarlo può tranquillamente acquistare i diritti d’autore di determinate opere, al fine di rivenderle e incassare i guadagni per ogni singola copia venduta.

Al contrario di quanto si possa pensare, la proprietà intellettuale di un opera non sempre appartiene al suo creatore. Per essere più precisi, un’opera appartiene a colui (o colei) che ne detiene i diritti d’autore, tutelati a livello giuridico.

Self Publishing e aspetti fiscali

Uno dei metodi vincenti per vendere le opere di cui si detengono legalmente i diritti d’autore è quello di utilizzare il più grande sito di e-commerce a livello mondiale: Amazon.
Infatti, molti non sanno che questo portale era inizialmente una libreria online, pertanto, ancora oggi, tra i numerosi oggetti in vendita troviamo anche i libri, sia in formato cartaceo che elettronico, ovvero gli “e-book”.
I vantaggi di fare Self Publishing su Amazon sono diversi. Il primo, quello più facile da intuire, consiste nell’enorme visibilità che si può ottenere. Un altro, invece, è decisamente più particolare.
A proposito di Self Publishing e aspetti fiscali, la questione è questa: una volta messe in vendita le proprie opere, Amazon riconosce delle percentuali per ogni copia venduta, dette “royalties”. Oltre al fatto che sono rendite passive automatiche, queste ultime non vengono nemmeno tassate dal fisco.
Di conseguenza non è nemmeno necessario aprire la partita IVA. Interessante, no?

Novità e Self Publishing su Amazon: come stare al passo con i tempi

A differenza di tanti altri prodotti, le opere letterarie sono piuttosto particolari e risentono notevolmente di qualsiasi evento che impatta sulla nostra società. Come ben sappiamo, l’epidemia da COVID-19 ha lasciato e sta tutt’ora continuando a lasciare un segno indelebile nella nostra società.
Vien da sé che gli equilibri del mercato sono da ritenersi poco stabili e questo è un aspetto di cui bisogna assolutamente tenere conto. Non solo, bisogna anche riuscire a prevedere quelli che possono essere gli scenari futuri. In che modo?
Apprendendo le tecniche di analisi più efficaci da coloro che conoscono già questo settore e hanno già analizzato nel dettaglio tutti quelli che saranno gli scenari futuri, oltre che quelli attuali.
Quindi, come si fa a stare sempre al passo con i tempi in relazione al Self Publishing su Amazon e le novità del 2021?
Se ti perdi gli ultimi paragrafi perderai anche una grande opportunità.

I migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon

Patiamo dal presupposto che fare business, online tanto offline, non è giocare d’azzardo. Certo, bisogna sicuramente tenere conto del così detto “rischio imprenditoriale”, ma il successo non è mai frutto del caso.
In altre parole, se c’è una cosa da non fare è proprio quella di scegliere un prodotto a caso, venderlo alla bell’e meglio e sperare che, magicamente, arrivino chissà quali guadagni.
Al contrario è necessario compiere studi di settore, elaborare un piano efficace e metterlo in atto senza scoraggiarsi dopo le prime difficoltà.
Ecco perché “Vincere su Amazon – Self Publishing” ideato da Antonio Vida è il migliore dei corsi per fare Self Publishing su Amazon.
Infatti, non parliamo di un semplice corso, ma di una vera e propria community in cui insegnanti e allievi sono sempre a stretto contatto, il tutto sotto la coordinazione di uno dei più grandi imprenditori italiani.

Vincere su Amazon – Self Publishing” ideato da Antonio Vida è il migliore dei corsi per fare Self Publishing su Amazon.

Conclusioni: Self Publishing su Amazon e le novità del prossimo anno

Concludiamo questo articolo riguardante il Self Publishing su Amazon e le novità del prossimo anno, spendendo 2 parole su Antonio Vida. Nonostante di recente abbia scritto un libro insieme a Maxx Mereghetti ed edito da Mondadori che puoi trovare qui: INVESTITORI DIGITALI , non è scrittore di professione.
Infatti, come già anticipato, è un imprenditore che può vantare 20 anni di esperienza in vari settori, così come è il titolare dell’omonima accademia con più di 5000 iscritti soddisfatti.
Visti i tempi che corrono e vista anche la grande quantità di richieste, ha deciso di proporre un nuovo e rivoluzionario corso sul Self Publishing, destinato sia a coloro che hanno già esperienza, sia a coloro che si accingono a muovere i primi passi nel business online. Insomma, è la giusta occasione per ripartire da zero e capire come sfruttare al meglio gli attuali equilibri del mercato.
Per iscriversi è molto semplice, basta cliccare qui: SI RIPARTE DA ZERO

“Vincere su Amazon – Self Publishing” ideato da Antonio Vida è il migliore dei corsi per fare Self Publishing su Amazon.

Self Publishing e aspetti fiscali: come regolarsi?

self publishing su Amazon

A proposito di Self Publishing e aspetti fiscali, in che modo ci si deve regolare al fine di non incappare in sanzioni? In questo articolo analizzeremo tutti i dettagli

La questione del Self Publishing e aspetti fiscali connessi

Perché è così importante avere le idee chiare su Self Publishing e aspetti fiscali connessi? Semplice, per non incorrere in pesanti sanzioni. Avviare il proprio business non è un gioco, quindi sarebbe un vero peccato vanificare i propri sforzi subendo uno stop a causa del fisco.
A tal proposito, l’unico modo per avere le idee chiare è quello di frequentare solo i migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon, gli unici a trattare ogni singolo aspetto, persino quelli di carattere burocratico.
C’è poco da fare, l’abilità di un imprenditore di successo non consiste solo nell’avviare il business, ma consiste anche nel sapere come evitare certe controversie, soprattutto quelle di natura legale.
Detto questo, se vuoi sapere di più in merito al Self Publishing su Amazon e le novità più attuali, allora prosegui la lettura di questo articolo.

Indice:

Tutto su Self Publishing e aspetti fiscali.
Non so scrivere: posso fare lo stesso Self Publishing?
Le potenzialità sotto il profilo economico.
Self Publishing su Amazon: le novità.
I migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon.
Antonio Vida: “Vendere su AmazonSelf Publishing.
Self Publishing e aspetti fiscali: conclusioni finali.
Ecco come iniziare.

Non so scrivere: posso fare lo stesso Self Publishing e Vendere su Amazon
Non so scrivere: posso fare lo stesso Self Publishing e Vendere su Amazon?

Tutto su Self Publishing e aspetti fiscali

Prima di entrare nel vivo del discorso “Self Publishing e aspetti fiscali, cerchiamo di capire meglio in cosa consiste questa attività. E’ molto particolare, in quanto di trova a cavallo tra il settore dell’arte e quello dell’imprenditoria.
Self Publishing” viene tradotto in italiano come “auto-edizione”, ovvero la realizzazione di un’opera letteraria con la successiva pubblicazione effettuata in proprio, senza avvalersi della partnership di una casa editrice tradizionale.
Infatti, sono proprio queste ultime ad incassare la maggior parte dei guadagni, e non lo scrittore.
Se oggi il Self Publishing viene considerata un’attività ad alto potenziale economico, è proprio grazie al boom tecnologico degli ultimi anni.
Ormai tutti possiedono un computer che ha già installati i programmi di scrittura che permettono di realizzare qualsiasi contenuto testuale.
Allo stesso modo, terminato il proprio libro, chiunque può vendere le copie in formato digitale attraverso il Web.

Non so scrivere: posso fare lo stesso Self Publishing?

Questa potrebbe sembrare un domanda banale, ma in realtà non lo è affatto. Il motivo è molto semplice: grazie all’evoluzione dell’attuale mercato, oggi è possibile delegare la scrittura di un libro a terzi in modo molto agevole.
La figura di riferimento è quella dei “ghost writer”, ovvero scrittori professionisti che decidono di vendere le loro opere, cedendo, quindi, anche i relativi diritti d’autore.
Non a caso, sono proprio questi ultimi a determinare la proprietà del contenuto. In altri termini, il “proprietario” del libro non è, per forza di cose, chi lo ha scritto, ma è di chi detiene legalmente i diritti d’autore.
Sebbene questo aspetto meriti un articolo a parte, oggi è possibile fare Self Publishing senza avere particolari doti narrative. Insomma, basterà pagare la cifra pattuita con il ghost writer, salvo poi pubblicare il contenuto a nome proprio.

Le potenzialità sotto il profilo economico.

Come mai sempre più persone sono interessate a Self Publishing e aspetti fiscali? Per via del grande potenziale economico che caratterizza questo tipo di attività. Per essere più precisi, sempre più persone sono attratte dal concetto di rendita passiva automatica. Di cosa si tratta?
Per capirlo è sufficiente pensare anche gli scrittori tradizionali. Come e quando arrivano i loro guadagni? Questi ultimi, a differenza dei normali lavori a retribuzione, giungono solo dopo aver terminato la propria attività.
Per dirla in parole povere, lo scrittore inizia a guadagnare dopo aver terminato di scrivere il suo libro. Non solo, i guadagni saranno poi percepiti nel tempo a seconda del numero di copie vendute.
Per riassumere questo concetto potremmo dire che si lavora sodo una volta per non lavorare più.
Ecco perché sono sempre di più le persone che stanno valutando di avviare un business del genere.

Self Publishing su Amazon: le novità
Self Publishing su Amazon: le novità


Self Publishing su Amazon: le novità

Le novità del Self Publishing su Amazon sono diverse. La prima riguarda, senza dubbio, il fatto di percepire le royalties da parte del noto portale di e-commerce. In cosa consistono queste ultime? Quali sono le loro particolarità?
Molto semplicemente, le royalties sono le percentuali che Amazon riconosce al proprietario dei diritti d’autore in base al numero delle copie vendute. Il vantaggio di queste ultime è che non vengono tassate come i normali guadagni derivanti da un’attività commerciale.
Infatti, tra le novità relative al Self Publishing su Amazon, c’è anche quella che riguarda la non obbligatorietà della Partita IVA.
Esatto, proprio così: puoi tranquillamente lavorare grazie al normale codice fiscale.
Che dire, a parità di altre attività, il Self Publishing è decisamente molto più interessante sotto molteplici punti di vista, compreso quello fiscale.

I migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon

Dopo aver esaminato la questione Self Publishing e aspetti fiscali, passiamo alla “fase operativa”. Insomma, dopo aver compreso quali sono le reali potenzialità di questa attività, sorge spontaneo chiedersi quali siano i primi passi da compiere.
Per quanto alte siano le potenzialità sotto il profilo economico, bisogna sempre seguire una precisa strategia e non improvvisare.
Infatti è del tutto inutile comprare dei contenuti a caso per pubblicarli a proprio nome, sperando che un giorno qualcuno acquisti una copia.
Così come è del tutto inutile iniziare questa attività senza la dovuta preparazione, anche in merito agli aspetti burocratici.
Lo scopo di questo articolo è solo quello di dare alcune nozioni di base quindi, per chi vuole fare davvero sul serio, non resta altro che frequentare i migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon.

Antonio Vida: “Vendere su Amazon – Self Publishing

Uno dei migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon è quello ideato da Antonio Vida, noto imprenditore di successo: INVESTITORI DIGITALI, già autore di altri corsi sul mondo dell’e-commerce.
A differenza di tanti altri, questi ultimi sono il frutto della sua esperienza personale, ovvero non sono le solite nozioni di teoria fine a se stesse. Non solo, i suoi corsi sono da ritenersi delle vere e proprie community in cui viene messa al primo posto l’interazione tra tutor e studenti, così come tra studenti e studenti.
Insomma, uno dei modi per crescere è quello di farlo insieme, al fine che nessuno rimanga indietro e che ci si possa dare una mano a vicenda.

Self Publishing e aspetti fiscali: conclusioni finali

Come abbiamo avuto modo di vedere in questo articolo, ogni attività imprenditoriale deve essere pianificata con cura, tenendo conto di tutti i dettagli. Ciò vale anche per il Self Publishing e aspetti fiscali.
Purtroppo, non accade poi così di rado che alcune realtà imprenditoriali vengano stoppate dal fisco proprio al loro apice. Inevitabilmente, una situazione del genere significherebbe solo sprecare tutti gli sforzi fatti fino a quel momento.
Inoltre, tenuto conto che il mercato è in continua evoluzione, bisogna rimanere sempre al passo con i tempi. Di conseguenza è d’obbligo tenersi aggiornati su tutte le novità del Self Publishing su Amazon.

Ecco come iniziare

L’unico modo per iniziare con il piede giusto è quello di svolgere un’adeguata formazione e, a tal proposito, il nuovo corso di Antonio Vida è da ritenersi in cima alla lista dei migliori corsi per fare Self Publishing su Amazon.
Le iscrizioni sono a numero chiuso, quindi non perdere altro tempo prezioso: per prenotare il tuo posto clicca su questo link:

SI RIPARTE DA ZERO

e segui tutte le istruzioni che compariranno.

Vincere su Amazon Selfpublishing